Erogazione dell’EVR ai lavoratori dell’Edilizia Artigiana della Regione Marche



Firmato il 14/6/2021, tra le parti del settore dell’Edilizia Artigiana Marche – ANAEPA CONFARTIGIANATO IMPRESE, CNA COSTRUZIONI, FIAE CASARTIGIANI, CLAAI e FENEAL-UIL, FILCA-CISL, FILLEA-CGIL – l’accordo per la verifica e l’erogazione dell’Elemento Variabile Retributivo


Le Parti si sono incontrate in adempimento dell’art. 7 del CIRL 21/12/2015 per i lavoratori dipendenti delle imprese artigiane e delle piccole e medie imprese industriali dell’edilizia e affini della Regione Marche, che prevede l’istituzione dell’Elemento Variabile Retributivo (EVR) per operai ed impiegati, collegato all’andamento produttivo del settore dell’Edilizia.
Sulla base della verifica congiunta effettuata in tale sede sui dati relativi al periodo di riferimento previsto all’art. 7 del citato CCRL, le Parti hanno provveduto a determinare il valore dell’EVR che sarà corrisposto per il periodo 1/7/2021 – 31/12/2021, secondo le modalità di seguito riportate.

Per il periodo 1° luglio – 30 settembre 2021 sarà erogato l’EVR come da Tabella 1 che segue:
























Livello

Tabella 1 – EVR dal 1/7/2021

7 39,55
6 34,60
5 28,83
4 26,70
3 24,97
2 22,07
1 19,29


Entro il mese di settembre 2021, le Parti si incontreranno per verificare l’andamento dei primi 3 parametri previsti dal CCRL regionale (numero lavoratori iscritti, monte salari denunciato e ore dichiarate alla CEDAM) che, se confermassero il dato di crescita riscontrato nella verifica odierna, attiverebbero l’erogazione dell’EVR dal 1° ottobre al 31 dicembre 2021 con gli importi riportati nella Tabella 2 che segue; in caso contrarlo anche nel trimestre ottobre-dicembre 2021 si proseguirà con l’erogazione degli importi della Tabella 1:
























Livello

Tabella 2 – EVR dal 1/10/2021

7 65,91
6 57,66
5 48,04
4 44,50
3 41,62
2 36,79
1 32,15


Le Parti, infine, dichiarano che l’erogazione dell’EVR 2021, in relazione alla situazione economica generale del sistema edile regionale, sarà riconosciuta comunque fino al 31/12/2021, alle condizioni sopra specificate.